Domani “Giornata mondiale contro l’Aids” Arcigay e studenti medi impegnati in attività di sensibilizzazione

Il messaggio è quello di prevenire, non abbassare la guardia, dato che i rimedi per non essere contagiati esistono, ma ogni anno anche nella nostra provincia il numero di persone sieropositive cresce

Siracusa – Domani Giornata mondiale contro l’Aids.  L’Arcigay di Siracusa e la Rete degli studenti medi saranno protagonisti di una serie di iniziative di sensibilizzazione sul virus, che contrariamente a quanto molti pensano miete ancora vittime e troppi sono, ancora oggi, i contagi di HIV.

Non si tratta solo di una campagna informativa volta alla prevenzione, bensì d’iniziative di solidarietà anche a sostegno delle persone sieropositive, che ancora subiscono pregiudizi e comportamenti marginali quando escono allo scoperto, poiché bisogna ricordare sono pochi a fare outing in tal senso e la malattia non la si porta impressa in faccia come erroneamente qualcuno sostiene.
“In occasione della Giornata mondiale contro l’AIDS – afferma il presidente di Arcigay Siracusa Armando Caravini – abbiamo deciso di scendere in campo per le vie della città distribuendo, gratuitamente, degli opuscoli informativi e dei profilattici. In questo capillare lavoro saremo affiancati dalla Rete degli Studenti Medi che, grazie ai loro rappresentati, si occuperanno della distribuzione del materiale all’interno degli istituiti scolastici affinché i giovanissimi siano informati sia sul coretto e fondamentale utilizzo del preservativo sia sulle malattie sessualmente trasmissibili”.

“Troppo spesso – dice Adriana Pusello per la Rete degli Studenti Medi – nella realtà dei giovani non esiste la prevenzione né tantomeno la corretta informazione ed è proprio perché riteniamo che sia importante formare sull’argomento che abbiamo aderito al progetto di Arcigay Siracusa effettuando, in occasione della giornata mondiale contro l’AIDS, campagna di sensibilizzazione all’interno delle scuole sia tramite la distribuzione di materiale informativo e di preservativi sia tramite la discussione di determinati argomenti sensibili. Chiaramente, la campagna di sensibilizzazione non toccherà le ore scolastiche in quanto cercheremo di parlarne durante la ricreazione con estrema calma e libertà affinché la nuova generazione comprenda al l’importanza della prevenzione non solo per delle ipotetiche gravidanze indesiderate ma soprattutto per prevenire le malattie a trasmissione sessuale”

“Malgrado si parli di AIDS dal 1981, ovvero da quando la malattia ė stata diagnosticata con il primo caso al mondo e nel 1982 con il primo caso in Italia – ricorda la psicologa di Arcigay Siracusa Maria Vittoria Zaccagnini – ci troviamo a parlare di una malattia che nonostante gli studi continua ad essere non curabile, seppur si possa tenere sotto controllo. Ė importante che i giovani ricevano la giusta formazione in merito all’HIV evitando il contagio per “ignoranza” dettata dalla mancata prevenzione e cultura della salute. Cercheremo sempre come Arcigay, in collaborazione con il network delle persone sieropositive, di fare sempre prevenzione anche oltre la data prestabilita, in modo di riuscire ad arginare il più possibile il problema”.

Le iniziative non si fermano a giorno 1 ma continueranno il 2 dicembre, presso la sede di Arcigay Siracusa in via Malfitano , con la proiezione di un film a tema alle ore 16.30.

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

X