Fossato del Castello Maniace arriva la richiesta del Demanio che fa temere la facile speculazione

Il Comitato di Ortigia Sostenibile ora chiede di fermare un processo di privatizzazione che prosegue dietro l'alibi della riqualificazione

Siracusa- Quando dietro l’alibi della riqualificazione spunta l’alone fastidioso della “speculazione” su un’area della città di grande pregio storico e paesaggistico, quale è il Castello Maniace di Siracusa, l’indignazione della cittadinanza sorge spontanea. Per anni luogo di incanto sottratto alla pubblica fruizione, restituito alla ciittadinanza e ai visitatori dopo un lungo restauro e in seguito alla dismissione della attigua Caserma Abela, il circondario della fortezza federiciana sembra, da un paio di anni, essere confinato ad un destino “scellerato” di privatizzazione, delineato all’Agenzia del Demanio, nel silenzio assenso di chi avrebbe l’autorità per opporsi e non l’ha ancora fatto o tentato di farlo. E’ chiaro che un bando vantaggioso, come quello di Piazza D’Armi, si configura come  una proposta  appetibile per  molti imprenditori, pronti ad investire e che anche se in regola, spesso, apportano interventi “strutturali” finalizzati allo svolgimento delle loro attività non sempre condivisibili, come quelli in corso sulla Piazza D’Armi,  che non convincono tutti e non soltanto sul piano estetico. Purtroppo, il precedente si è creato e ora sarà necessario fermarsi in tempo, prima che sia troppo tardi per salvaguardare spazi che rimarranno pubblici parzialmente, nonostante i buoni propositi e gli annunci. La conferma di questo “triste” andazzo sarebbe costituita da un’ulteriore richiesta, inoltrata sempre dall’ Agenzia del Demanio alla Sovrintendenza di Siracusa, riguardante lo storico fossato del castello, che come è noto è parte integrante dell’antico apparato difensivo e monumento esso stesso. La notizia preoccupante è stata anticipata dal Comitato Ortigia Sostenibile, che stavolta spera di giocare sul tempo e non “piangere” decisioni prese a prescindere dalla volontà popolare, che in verità poco ormai conta, di fronte alla supremazia del denaro, che consente  di valorizzare siti e momumenti altrimenti destinati all’abbandono al degrado.
“ Visti i precedenti – scrive il Comitato in un comunicato – non sembra avventato aspettarci che, con il placet della Sovrintendenza il fossato possa diventare un lido oppure un approdo per le imbarcazioni turistiche, e accanto ancora un “ chiosco” in ferro e cemento, finto amovibile ma naturalmente “ splendido”.
“Cosa dobbiamo aspettarci – riflette il Comitato- a questo punto, che si scambi questa opera difensiva con un canalone da “fruire” come un qualsiasi appezzamento di terreno? Così come si sta provvedendo a fare per la Piazza d’Armi? Che, tra altro, – come testimoniano le guide turistiche –non è mai stata ricettacolo di immondizia, se non dopo i bagordi notturni”. Affermazione che non può essere messa in dubbio, perché tutte le guide prima di accompagnare i turisti all’interno del complesso, è proprio sul piazzale che fanno le loro soste introduttive alla storia del castello”.
“Chiediamo- rivendica il Comitato, alla cui voce si unisce un coro di cittadini che seguono la vicenda con attenzione- dunque con forza che la nuova Amministrazione fermi intanto questa operazione, arresti la svendita e lo snaturamento di questo luogo e inverta la tendenza di questi ultimi anni, dimostrando di compren che il ruolo di un ente pubblico è diverso da quello di un amministratore d’azienda”.
Chiediamo misura perché – come già dichiarato – noi, e una moltitudine ormai di associazioni, cittadini, studiosi, funzionari di vari enti a tutela dei beni culturali, ed esperti e storici dell’arte, siamo favorevoli alla riqualificazione di questo come di qualsiasi altro luogo che soffra disagio e abbandono. Siamo contrari, però, alla riqualificazione usata come cavallo di Troia della speculazione e alibi di amministratori inadempienti”.

Mascia Quadarella

Foto di repertorio: studiosi nella spiaggetta sottostante il Maniace

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

CircaMascia Quadarella

Giornalista Contatta:Website | Facebook | Altri articoli

X