Aveva prelevato 350 kg di oloturie dai fondali di Portopalo, sub deferito e sanzionato

Le oloturie sono state dichiarate specie marina protetta, con un decreto legge dello scorso fine febbraio, perchè in sofferenza riproduttiva. Sono ottime esche, pertanto ambite dai pescatori

Portopalo di Capo Passero- Martedì scorso, prelevava dai fondali a Levante dell’approdo di Portopalo oloturie: sorpreso in flagranza dagli uomini della Guardia Costiera, impegnati nel controllo del litorale, un sub è stato deferito per pesca di specie protetta e inquinamento ambientale. Suddivisi in ben 6 sacchi erano stati prelevati circa 350 kg della specie. L’oloturia, è un organismo appartenente alla stessa famiglia dei ricci e delle stelle marine, benché non commestibile risulta un’esca eccezionale per il pesce azzurro, pertanto è ambita  dai pescatori professionali e sportivi e anche dai dilettanti. Notando, a causa dei frequenti e numerosi prelievi la sofferenza riproduttiva della specie, con il decreto legge 156 dello scorso 27 febbraio ne sono stati vietati il prelievo e la detenzione. Le oloturie ancora viventi sono state rigettate in mare.

Mascia Quadarella

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

X