Avevano pescato di notte a Calabernardo 3000 ricci di mare, sanzionati

A fermarli gli uomini della Guardia Costiera, che dopo aver sequestrato l'attrezzatura, elevato la sanzione di 1000 euro, hanno rigettato nelle acque del Plemmirio i ricci ancora vivi

Noto/Siracusa- Si è conclusa all’alba di questa mattina un’attività di controllo da parte del personale militare appartenente alla Sezione di Polizia Marittima e Difesa Costiera della Guardia Costiera di Siracusa, volta a verificare la corretta applicazione delle normative vigenti in materia di pesca e di tutela ambientale, a garanzia della corretta commercializzazione delle specie ittiche ed a tutela dell’Area Marina Protetta “Plemmirio”.
Durante i controlli di cui sopra, i militari, a seguito di una prolungata attività di appostamento individuavano due pescatori sportivi subacquei, in località Calabernardo (Comune di Noto), intenti alla pesca illecita di echinodermi (ricci di mare) con l’utilizzo di autorespiratore.
I due pescatori, ultimata l’ attività illecita di cattura , dopo aver riposto il prodotto ittico all’interno di un veicolo, si apprestavano a lasciare il punto di immersione ma immediatamente sono stati fermati dai militari, i quali, dopo averli identificati, hanno proceduto ad applicare le sanzioni previste della normativa vigente, contestando loro la pesca subacquea notturna, la pesca subacquea con utilizzo di autorespiratore e la pesca del riccio di mare vietata nei mesi di maggio e giugno.
Ai sub è stata irrogata una sanzione amministrativa di 1000 euro, oltre ad essere stata loro sequestrata l’attrezzatura utilizzata: bombole ed erogatori, nonché i 3000 esemplari di ricci di mare catturati. I ricci ancora vivi sono stati rigettati in mare nello specchio acqueo all’interno dell’Area Marina Protetta “Plemmirio”, dai militari a bordo della motovedetta della Guardia Costiera.
La Capitaneria di Porto di Siracusa ricorda che la normativa vigente impone il divieto di pesca, detenzione, trasporto e commercializzazione del riccio di mare nel periodo che va da maggio a giugno. Rammenta altresì che la pesca subacquea è vietata nelle ore notturne, dal tramonto all’alba, e non è consentito l’uso di autorespiratore.

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

CircaMascia Quadarella

Giornalista Contatta:Website | Facebook | Altri articoli

X