Comprava pesce pescato da diportisti per rivenderlo nel suo esercizio, sanzione di 1500 a carico di commerciante ittico

A eseguire l'intervento gli uomini della polizia marittima della Guardia costiera di Siracusa. La compravendita era avvenuta in un circolo nautico.I diportisti sfuggiti ai controlli

Siracusa- Questa mattina, gli uomini  della polizia marittima della Guardia costiera di Siracusa hanno colto in flagranza il proprietario di una pescheria, ubicata in provincia, mentre si riforniva di pesce  pescato da pescatori sportivi di un circolo nautico, per poi  rivenderlo nel  proprio esercizio commerciale, in violazione della normativa vigente in materia.
I militari, a seguito di un’attività di indagine, sono riusciti ad acquisire elementi utili che hanno così permesso di individuare il soggetto, che era intento a lasciare frettolosamente la zona dopo essersi rifornito di prodotto ittico proveniente dalla pesca sportiva. Il trasgressore è stato bloccato a bordo del proprio mezzo isotermico sull’asse stradale dopo aver lasciato il circolo nautico e veniva trovato in possesso 2 cassette di prodotto ittico vario (saraghi, occhiate, pagelli) appena pescato dai diportisti, che sono riusciti ad evadere i controlli e a dileguarsi. Per quanto precede è stato elevato a carico del trasgressore una sanzione amministrativo di euro 1500 ed il prodotto ittico, sequestrato, è stato sottoposto a visita organolettica da parte di personale veterinario appartenente all’ASP n.8 di Siracusa che lo ha giudicato idoneo al consumo umano. Quest’ultimo è stato devoluto in beneficienza presso una struttura caritatevole della città.
La Capitaneria di Porto di Siracusa ricorda che la normativa vigente vieta la vendita del prodotto ittico proveniente dalla pesca sportiva e qualsiasi prodotto, per essere commercializzato, deve essere provvisto di documentazione idonea ai fini della tracciabilità.

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

CircaMascia Quadarella

Giornalista Contatta:Website | Facebook | Altri articoli