Il Kiwanis club di Lentini dona biancheria ai degenti in difficoltà dell’ospedale cittadino

Un bel gesto nei confronti di chi oltre la malattia deve affrontare il disagio di non poter acquistare l'occorrente per una permanenza in ospedale serena e dignitosa. Un gesto di grande sensibilità, sollecitato dal cappellano del nosocomio lentinese

Lentini- A volte la malattia giunge ad aggravare situazioni economiche già difficili e un ricovero può costituire disagio per un paziente che non dispone di biancheria intima “presentabile”. Situazioni del genere si verificano, oggi più di ieri che anche il sistema famiglia e di vicinato è in crisi, in molti reparti ospedalieri e allora che subentra a “sanare” il problema, nel rispetto della privacy e della dignità della persona bisognosa la solidarietà di associazioni e club service. L’idea di donare pigiami, maglie della salute, tanti capi di biancheria intima all’ospedale di Lentini per metterli a disposizione di degenti che ne hanno bisogno è stato proprio del Kiwanis club lentinese.

A presiedere il club è Valeria Francesca Commendatore, direttore del reparto di Pediatria dell’ospedale lentinese, che ha così deciso senza esitazione di soddisfare assieme agli altri soci una esigenza emergente, tra l’altro manifestata, sulla base di esperienze vissute, dal cappellano Michele Lentini e dal Gruppo di volontariato Vincenziano.

La cerimonia di consegna degli articoli si è svolta stamane alla presenza del direttore generale dell’Asp di Siracusa Salvatore Lucio Ficarra e del direttore medico di presidio Giuseppe D’Aquila con la partecipazione dei componenti il Consiglio direttivo del Club, del cappellano e dei volontari vincenziani.

“Il nostro motto è Save the Children in the world– ha detto la presidente Commendatore – ma chi è debole, fragile, è come un bambino e quando padre Michele ci ha esternato la difficoltà riscontrata in alcuni pazienti che al momento del ricovero erano soli e non avevano nulla a disposizione, tutto il Consiglio direttivo ha voluto farsi interprete di questa
difficoltà e ci è sembrato giusto farcene carico. Non è una grande donazione ma una piccola goccia nell’oceano che ci rende utili. Se ci sono altre esigenze noi siamo pronti a metterci a disposizione perché l’ospedale lo viviamo con un attaccamento notevole. Alleviare anche di poco la sofferenza o il disagio a chi si reca in ospedale, ci fa star bene”.

 “Ringrazio il primario nella qualità di presidente del sodalizio e tutti i soci per questo ulteriore gesto di grande solidarietà e di aiuto nei confronti dei nostri pazienti – ha detto il direttore generale dell’Asp di Siracusa Salvatore Lucio Ficarra -. Il territorio siracusano non è nuovo ad
iniziative del genere, quella di oggi non è una iniziativa isolata, notevole è la sensibilità e la generosità che si riscontra nella popolazione di questa provincia presente e vicina all’Azienda sanitaria nel contribuire a migliorare la qualità dei servizi resi. Generosità manifestata soprattutto nei confronti di chi ha bisogno. Siamo grati a tutto l’associazionismo da parte del quale riscontriamo una importante collaborazione, cui teniamo fortemente, poiché ci aiuta e ci collega con il territorio e con gli utenti”. Sensi di gratitudine il direttore generale ha manifestato anche nei confronti del cappellano “che rappresenta il trait d’union – ha detto – tra l’Azienda e i bisogni più intimi
delle persone”.

Anche il direttore medico di presidio Giuseppe D’Aquila in apertura dell’incontro, nell’auspicare che tale gesto sia ancora più emulato da tanti altri, rispetto a quanto di importante già avviene, ha espresso parole di gratitudine nei confronti del Kiwanis di Lentini, del suo presidente e dei soci, del cappellano e dei volontari vincenziani “che hanno dato la disponibilità – ha sottolineato – a custodire questi indumenti, a gestirli rendendoli disponibili ai reparti che ne faranno richiesta per i pazienti che ne avranno bisogno”. 

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

CircaMascia Quadarella

Giornalista Contatta:Website | Facebook | Altri articoli