IMR, Siracusa dal 5 al 7 capitale del “Counselling in Radioterapia”

Il convegno formativo si svolgerà all'Urban center di Siracusa. Direttori scientifici il professor Raffaele Arigliani e il dottore Salvatore Bonanno.

Siracusa- Siracusa anche quest’anno è stata scelta come sede del 2° Convegno nazionale sul “Counselling in radioterapia”, che si svolgerà all’Urban center di via Bixio, per tre giorni, dal 5 al 7 dicembre.
All’evento formativo, organizzato dall’IMR, Italian Medical Research, con il patrocinio dell’Airo, l’Associazione italiana radioterapia e oncologia clinica, interverranno radioterapisti, oncologi, massimi esperti di counselling in Italia, tra cui il professor Raffaele Arigliani, che sarà affiancato nella direzione scientifica dei lavori dal dottor Salvatore Bonanno, direttore dell’Uoc di Radioterapia dell’Asp di Siracusa.
Il counselling, è stato dimostrato sul campo, specie nei reparti ospedalieri sortisce grandi benefici, poiché contribuisce ad ottimizzare, rendendola più umana e produttiva, la relazione, a volte complicata, tra medico o/e personale sanitario e paziente .
Gli assiomi del counselling, dunque, ritrasferiscono al centro delle cure proprio il paziente, soprattutto quando quest’ultimo deve essere sottoposto a terapie particolarmente tecnologiche, che potrebbero creare nei fatti un “distacco” tra medici e assistiti. L’obiettivo, dunque, è quello di rispettare la persona in quanto tale e concentrarsi su di essa a 360 gradi, non soltanto come soggetto “portatore” di una malattia da contrastare.
Gli uomini e le donne e i bambini in cura, dunque, non devono sentirsi dei numeri inseriti in un sistema “meccanico. Per questo motivo diventa necessario preservare la loro dignità di esseri umani e di attori sociali non passivi. Tutto ciò renderà il loro percorso verso la guarigione condiviso piuttosto che subito, meno asettico e solitario, preferibilmente anche grazie alla collaborazione dei familiari.
Lo sa bene l’equipe di radioterapia, diretta a Siracusa da Salvatore Bonanno che, dotata di naturale empatia, ha voluto “qualificare” il conforto, il sollievo, da offrire ai propri pazienti oncologici, oltre che fisicamente emotivamente provati dalla malattia e dalle incognite che comporta, acquisendo il metodo e le modalità di approccio al problem solving proprie del “counselling”. Interventi mirati che consentono di offrire al prossimo in situazioni di particolare fragilità un sostegno individualizzato, armonico e “strutturato”.
Dall’esperienza positiva maturata dall’Unità operativa complessa di Radioterapia di Siracusa, delineatasi all’inizio dell’attività sanitaria spontaneamente, per l’inclinazione all’empatia dei medici del reparto, è nata l’idea del dottore Bonanno di “professionalizzare” gli interventi di sostegno.
Una proposta subito accolta dalla comunità scientifica d’eccellenza a cui si è rivolto, che ha riconfermato il capoluogo aretuseo come location del convegno nazionale, che sta destando l’attenzione di medici di diverse branche, che la prossima settimana convergeranno in città per affinare le proprie competenze in materia.

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail