Italia: “La mancata discussione e approvazione del rendiconto consuntivo 2018 penalizza i cittadini”

Ente con 300 unità in meno in organico e rischio impossibilità di partecipare a bandi per intercettare fondi

Siracusa – Il tema dell’approvazione del rendiconto consuntivo 2018, che dopo il rinvio della discussione in aula, sarà portato in Consiglio il prossimo 7 novembre, una volta acquisito il parere dei Revisori contabili sull’utilizzo di circa 20mila euro del Fondo di riserva del Sindaco per iniziative culturali; e quello proprio dell’utilizzo del Fondo di riserva nel 2018, raffrontato alla gestione fatta negli ultimi 15 anni dalle Amministrazioni che si sono succedute, sono stai gli argomenti al centro della conferenza stampa di stamani del sindaco, Francesco Italia, e dell’assessore al Bilancio Pierpaolo Coppa.

Mettendo
a disposizione dei giornalisti decine di atti amministrativi successivi al 2003
che attingevano come spesa proprio al Fondo, Italia ha definito populismo il
comportamento di chi “Gridando allo scandalo oggi, di fatto usa argomenti
strumentali ed incoerenti con il suo operare negli anni in cui era al governo
della città. Basti pensare che, dal 2003 e per molti anni, in assenza peraltro
di un Regolamento sui contributi, quanti oggi mirano alla delegittimazione
politica degli avversari, hanno speso l’80% del Fondo in iniziative culturali
del più disparato genere e qualità, per concertini minori o per l’acquisto di
pubblicazioni. E ricordo che quel fondo allora si aggirava sui 400mila euro. Lo
scorso anno, dal nostro insediamento ad agosto e fino a dicembre, la
percentuale di spesa per queste attività è stata risibile rispetto alla
maggiore spesa per altri interventi fatti, quali quelli per il riscaldamento
nelle scuole, per il cimitero, per l’abbattimento delle barriere
architettoniche, per interventi urgenti nelle case popolari, per aiuti alle
famiglie”.

Difendendo
la scelta di intervenire direttamente con il suo Fondo per impinguare capitoli
di spesa momentaneamente scoperti in assenza di bilancio, il Sindaco ha
ricordato come tutte le iniziative interessate siano state “Di grande respiro
culturale, di sicuro ritorno in termini di immagine e partecipazione, ormai
radicate sul territorio, ed assolutamente gratuite. Una scelta- ha aggiunto-
che rifarei”.

Italia
ha poi toccato il tema del Consuntivo, approvato dalla Giunta un paio di mesi
fa, dotato del parere di legittimità dei Revisori e che aspetta di ricevere un
ultimo parere su quest’ultima spesa. Ha aggiunto il Sindaco: “Parliamo in ogni
caso di 20mila euro a fronte di una spesa corrente di oltre 96 milioni: ecco
perché, mettendo a disposizione della stampa questi atti pubblici vogliamo fare
un’operazione di verità e trasparenza. Ascoltare lezioni di moralità ed etica
politica da questi avversari politici è a dir poco grottesco. Guardiamo invece
alle conseguenze negativi che un colpevole ritardo nella sua approvazione
potrebbe determinare per la vita della città”.

Ed è
toccato all’assessore al Bilancio, Pierpaolo Coppa ricordare come questi ritardi,
di fatto, ingessano diversi ambiti dell’attività amministrativa “A cominciare
dal bando

periferie per 13 milioni per il quale non sarà
possibile attingere al mutuo per l’anticipazione delle somme occorrenti. O
all’altro mutuo con la Cassa Depositi e Prestiti di oltre un milione, 600mila
dei quali per l’edilizia scolastica, 400mila per il cimitero, 100mila per
l’edilizia sociale. Per non parlare della possibilità di bloccare o ritardare
l’iter per le procedure concorsuali per dotare l’Ente di nuovo personale”. 

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

CircaMascia Quadarella

Giornalista Contatta:Website | Facebook | Altri articoli