Ultim'ora

Partecipatissimo finale delle Feste Archimedee 2019, ieri oltre 3 mila presenze

 

Siracusa- Un veglione, un capodanno d’Estate, quello di ieri in Piazza Duomo a Siracusa, stracolma di cittadini e turisti che hanno preso parte in massa alla serata finale e davvero emozionante delle Feste Archimedee 2019.
Un evento capace di unire la città, nel nome di uno dei suoi figli più illustri di tutti i tempi, per valorizzare i giovani talenti, ponendo le basi per un futuro migliore, contribuendo ad edificare una società che punta sui valori della cultura, dell’arte e dello sport, leve fondanti della nuova economia del territorio.
Ad accompagnare la serata la calda e trascinante voce di Mimmo Contestabile, con la collaborazione dell’emergente Francesco Aloi. Insieme, i due conduttori hanno annunciato ed accolto sul palcoscenico ortigiano promesse del canto, della musica, del teatro e della danza, premiando coloro che si sono distinti per le loro qualità artistiche.
A dare il benvenuto agli ospiti è stato il promotore del progetto, Carlo Gilistro, assieme al sindaco Francesco Italia. Ma nel corso della serata interessanti e puntuali sono stati gli interventi anche di Fabio Granata assessore alla Cultura e del dirigente dell’Assessorato alle Politiche Agricole, Giuseppe Taglia, in rappresentanza di Edy Bandiera, presente durante le altre giornate di svolgimento della manifestazione.
Una scaletta ricca quella proposta ieri. Varie e di qualità sono state le esibizioni offerte al pubblico, che ha risposto con grande calore al richiamo ormai suadente di questo evento di metà estate, regalando numerosi e scroscianti applausi.
Ad aprire letteralmente le danze, con le sue piroette acrobatiche è stato Jovica Begoiev, ètoile di Belgrado, primo premiato di questa VIII edizione.

 

Emozione autentica, lacrime di commozione e profonda ammirazione hanno suscitato i brani intonati maestosamente dalla cantante lirica Alfina Fresta, capace di toccare le corde del cuore di grandi e piccini, facendo vibrare di positività il salotto ortigiano.

 

Poi è stato il momento di Matteo Fraziano prestigiatore, che ha stupito con i suoi cubi di Rubik, rimontati in pochi secondi e con effetti strabilianti.

Ed ancora i l’assolo di Riccardo Guarnaccia.

 

Un momento di candore e di sano campanilismo canoro con la cantautrice siciliana Francesca Incudine, voce travolgente e dolcezza da vendere, ambasciatrice della solarità sicula, interprete assieme a Peppe Di Mauro ed Antonio Canino del cd “Ninne nanne dal Mondo”, realizzato sempre da Carlo Gilistro, nell’ambito del progetto “I primi Mille giorni”.

Poi la premiazione di due ballerini, che hanno eseguito la coreografia “Amuninni” di Marco Laudani, Damiano Scavo e Rachele Pascale.

E poi ancora magia con l’illusionista Emanuele D’Angeli, una rivelazione. Anche per lui un premio.

 

Ed  ancora le voci incante