Ultim'ora

Question time Consiglio comunale,sintesi delle 62 interrogazioni e risposte

Siracusa– Quasi interamente esaurito l’ordine del giorno dedicato al question time che ha impegnato il consiglio comunale per due giornate. Unico argomento non trattato, su 62, è stato quello sul regolamento del servizio idrico, proposto da Federica Barbagallo (per altro oggi assente), ma l’assessore Pierpalo Coppa ha assicurato il capogruppo Ferdinando Messina che fornirà comunque una risposta scritta.
I lavori, in seconda convocazione dopo la chiusura anticipata di ieri pomeriggio per mancanza del numero legale dopo che erano stati affrontati 30 argomenti, sono ripresi stamattina sotto il coordinamento del vice presidente Michele Mangiafico. In apertura, però, ha preso la parola Salvatore Castagnino che ha ricordato come il suo gruppo abbia presentato, dall’insediamento del Consiglio, oltre 76 interrogazioni ma che nessuna è stata messa all’ordine del giorno. Il consigliere ha aggiunto che ritiene sbagliato inserire nella seduta dedicata al question time solo i documenti presentati per la circostanza, aggiungendo che si riserva una richiesta di annullamento della seduta.

La prima interrogazione è stata quella inizialmente posta alla fine dell’elenco che è stata anticipata per una richiesta di inversione fatta dagli stessi presentatori della numero 1 (Mangiafico, Favara e Torres) relativa a riviera Dionisio il Grande. L’interrogazione trattata era stata presentata da Pamela La Mesa ed era relativa alla concessione dei locali di via Barresi all’Asp, per realizzare di servizi al quartiere, ma mai presi in carico dall’azienda sanitaria. La risposta è arrivata dall’assessore al Patrimonio, Nicola Lo Iacono, e dal dirigente Natale Borgione: ad oggi nessuna richiesta è stata fatta dall’Asp nonostante un sollecito del Comune. Si sta valutando se fare una diffida ma si potrebbe arrivare anche al ritiro della convenzione.

Interrogazione 2 su randagismo di Giuseppe Impallomeni. L’assessore Fabio Granata ha risposto che dal punto di vista quantitativo non ci sono stati progressi perché i canili sono saturi e le adozioni, curate dai gestori, vanno a rilento. L’Amministrazione aprirà tra qualche mese un canile/oasi comunale così da aumentare i posti disponibili e tenterà di incrementare le adozioni.

Impallomeni, interrogazione 3 su incolonnamenti lungo la strada proveniente da Floridia. L’assessore alla Mobilità, Giovanni