Ultim'ora

Sparito lo striscione in Cittadella dove si invitava ad “Aprire i porti, restiamo umani”, dava fastidio? O è stato un brutto gesto fine a se stesso?

Siracusa “Aprite i porti – Restiamo umani” è la scritta impressa  su uno striscione affisso sulla  recinzione del campo estivo  di Arciragazzi Siracusa 2.0, alla  Cittadella dello sport, che nella notte tra domenica e lunedì è stato asportato da ignoti. A riferirne la scomparsa è stato  il gruppo di associazioni cittadine, composto da: Arci Siracusa, Arciragazzi Siracusa 2.0, Zuimama Arciragazzi, Astrea, Stonewall, Unione degli Studenti e Amnesty International, che martedì 12 giugno avevano dato vita ad un presidio di natura antifascista e antirazzista a favore della riapertura dei porti italiani ai migranti, dispiegando lo striscione in questione davanti alla Prefettura.

“Il clima di odio nei confronti delle associazioni che si battono per i diritti diventa sempre più palpabile – denuncia Luca Cerro, presidente di Arciragazzi 2.0.-.Per questo non esitiamo a definire l’episodio come un atto vile, parte di una strategia che tende a criminalizzare la solidarietà e stigmatizzare le associazioni che si adoperano per la difesa e l’affermazione dei diritti umani in una città che si vuole accogliente ed inclusiva”. L’iniziativa di martedì scorso, come si ricorderà, era nata in seguito alla decisione del governo italiano di non concedere l’attracco alla nave Acquarius, in navigazione da giorni nel Mediterraneo, con a bordo 629 migranti tratti in salvo durante l’ennesimo viaggio della speranza, dopo che i sei gommoni sui quali viaggiavano si erano ribaltati. A manifestare solidarietà nei confronti dei profughi, soccorsi dai volontari di Sos Mediterranee e Medici Senza Frontiere, associazioni ed esponenti della società civile siracusana, riunitisi in presidio in piazza Archimede”.

Print Friendly, PDF & Email
Mascia Quadarella
Informazioni su Mascia Quadarella 4934 Articoli
Giornalista