TERRA DI PIETRE di Duccio Di Stefano

TERRA DI PIETRE 

di Duccio Di Stefano 

Qui i binari piegano una lunga curva

strisciando dal limite della scogliera.

E’ in quest’ansa

nella sua solitudine di rocce

e prati di spine

che il treno improvvisamente

affronta se stesso.

Coda e testa a lungo si osservano

spiandosi cieche

dietro tende ben chiuse.

Da terra i bambini lanciano sassi di polvere

perché qui sono loro

quelli che fanno più stretta la guardia.

Ma sono parabole incerte,

prive di un vero bersaglio.

Così per chi assiste

rimane fissato solo l’istante

dell’ombra intoccata

mentre copre i muri di vita.

 

 

Duccio Di Stefano, dopo aver completato gli studi, ha  lavorato in ambito commerciale e ha collaborato grazie al suo talento letterario con diverse case editrici e testate giornalistiche locali. Ha pubblicato alcune poesie nella collana Riflessi della casa editrice Pagine. E’ stato, inoltre, finalista nell’ambito del Premio “Inchiostro e Anima”, dedicato alla poetessa Mariannina Coffa, classificandosi rispettivamente  quarto e quinto nelle edizioni 2015 e 2016 del concorso, venendo pure insignito con la menzione d’onore.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail