Ufficio di collocamento a Priolo, Cafeo accoglie la proposta di Biamonte

Il consigliere comunale aveva richiesto interessamento da parte della deputazione regionale, giunto dal parlamentare a lui più vicino politicamente, Giovanni Cafeo

Priolo Gargallo- Nei giorni scorsi l’appello di Alessandro Biamonte, consigliere comunale di Priolo, e candidato sindaco alle ultime amministrative nel comune industriale del Siracusano,  rivolto ai deputati regionali, affinchè si riaprisse l’Ufficio di collocamento nella cittadina.

“I fruitori dell’ufficio collocamento – scriveva Biamonte- sono quasi tutti utenti che godono di ammortizzatori sociali o di misure a sostegno del reddito e con la chiusura dei recapiti si trovano costretti a spostarsi dalle loro città per raggiungere le sedi principali dei centri per l’impiego, sostenendo delle spese che gravano sulla loro situazione reddituale.La problematica esposta risulta di particolare urgenza, vista l’importanza che hanno i recapiti comunali nel territorio poiché molte persone si rivolgono ad esso per il disbrigo di svariate attività e ora sono costretti a spostarsi presso altre città per usufruire dei servizi. Gli utenti che si recano nei centri per l’impiego o nei recapiti comunali sono quasi tutti cittadini che usufruiscono di ammortizzatori sociali o misure di sostegno al reddito e che quindi vanno mensilmente in questi uffici per svolgere le varie attività a cui sono obbligate. Il provvedimento ha arrecato diversi disagi : costringe gli utenti a percorrere lunghi tragitti per poter usufruire del servizio con attese lunghissime , inoltre erode ulteriormente le risorse economiche di chi usufruisce di questi servizi.
Ci comunicano che la chiusura dei recapiti è avvenuta per mancanza di personale di categoria C e D. Facciamo presente chi i locali di Priolo risultano idonei, inoltre l’ufficio collegamento di Priolo risultava di utilità principale in quanto veniva utilizzato anche dagli impiegati della zona industriale, oggi gli uffici di Augusta sono sommersi da cittadini costretti a lunghi tempi di attesa .

L’intervento di Giovanni Cafeo, deputato regionale del Pd

A non farsi attendere è stata la risposta di Cafeo, parlamentare dell’Ars in forza al Pd.

“La chiusura dei recapiti comunali risponde a precise norme di legge – spiega Cafeo – mirate al contenimento dei costi di gestione. La conseguenza immediata di tale provvedimento però è un indubbio disagio tra i cittadini – continua il deputato dell’Ars– tra l’altro proprio tra le persone che avrebbero più necessità di usufruire di questi servizi perché in difficoltà oggettive, magari per richiedere ammortizzatori sociali a seguito di licenziamenti o scadenze di contratto”.

“Dopo un confronto con il responsabile del XVII° Servizio, Alberto Alessandra – prosegue Cafeo – ho appreso che al termine della ricognizione in corso, si verificherà dove sarà possibile riaprire i recapiti comunali. Tra questi ci sarà sicuramente quello di Priolo Gargallo, nel quale sussistono i requisiti di legge”.

“In questo modo – conclude Cafeo – si alleggerirà finalmente il carico di lavoro e dunque i tempi di attesa della sede di Augusta, oggi unico punto di riferimento per l’intera zona nord, rendendo il servizio più snello e rapido per i cittadini”.

 

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

CircaMascia Quadarella

Giornalista Contatta:Website | Facebook | Altri articoli

X