Ultim'ora

Valore cittadino “smonta” la tesi della Russoniello sul Pums

Siracusa -Valore cittadino “dà addosso” alla consigliera comunale pentastellata Silvia Russoniello sul Piano Urbanistico della Mobilità Sostenibile (Pums) del Comune di Siracusa.
Il gruppo, dal quale potrebbe, stando ai pronostici da bar,  uscire il nome di uno degli eventuali nuovi assessori in caso di minirimpasto a Palazzo Vermexio, ha deciso di rispondere ad alcune interrogazioni presentate sull’argomento dalla consigliera Russoniello, smontando punto per punto le “contestazioni” della stessa.

“Il Comune di Siracusa- scrive Valore Cittadino- è dotato degli atti tecnici del Piano Urbano di Mobilità (Pum) e del Piano Generale del Traffico Urbano (PGTU) adottati dalla Giunta Municipale con Delibera n° 246 del 7 luglio 2010 e furono poi trasmessi al Consiglio comunale, che non ha mai deliberato su questo argomento”.
“ L’amministrazione Garozzo – viene sottolineato nel comunicato- ha avuto la lungimiranza di voler adottare due strumenti necessari alla vivibilità di una città moderna qual è Siracusa e quindi nel 2017 ha deciso di aggiornare i piani in ragione delle normative, che nel frattempo erano intervenute e dei cambiamenti che aveva subìto la città. Quando la consigliera Russoniello sostiene che la cittadinanza non sarebbe stata coinvolta nella redazione dei piani dice cosa non vera, atteso che già durante la fase di redazione del Pums e del Pgtu sono stati rispettati tutti i passaggi previsti per legge: sono stati invitati gli stakeholder alla sala Borsellino per presentare i piani, sono stati loro dati i termini per proporre note, modifiche e integrazioni. Sono arrivate note contenenti interventi migliorativi, i progettisti ne hanno preso atto e li hanno inseriti nei piani. A seguire, i piani sono stati approvati in Giunta e sottoposti alla valutazione ambientale strategica da parte degli uffici regionali. Dopo parecchi mesi la Regione ha rilasciato un parere di non assoggettabilità a Vas. Successivamente i piani sono stati pubblicati sul sito istituzionale del Comune per farli conoscere alla cittadinanza e per permettere alla stessa di avanzare proposte di modifica o integrazione. Nessuna proposta di modifica tecnica è giunta agli uffici, lo stesso è accaduto in sede di discussione in Commissione consiliare Mobilità e Trasporti, di cui la consigliera Russoniello è componente”.
Esposta la loro cronistoria e le loro versioni sulla gestazione degli strumenti di pianificazione, gli esponenti di Valore Cittadino, giungono alla conclusione, senza risparmiare alla Russoniello l’affondo : “ A oggi risulta rispettato in ogni passaggio di legge, ogni doglianza avanzata sul punto dalla Consigliera Russoniello è assolutamente sterile e manifesta l’incapacità politica e amministrativa della stessa per non aver saputo incidere sul piano tecnico in sede di Commissione consiliare. Nel merito- continuano- finora non sono state ancora espresse precise critiche su aspetti tecnici dei due piani, quanto piuttosto delle mere dissertazioni sul nulla, facendo vagamente riferimento ai piani del traffico di altre città. Anche questo metodo di comparazione è palesemente inconsistente, perché non è serio fare un confronto tra Siracusa e Bologna, per le evidenti differenze topografiche e urbanistiche delle due città. Non considerare alcuni aspetti peculiari di Siracusa, quali la particolare conformazione urbanistica, le caratteristiche storiche, architettoniche e viarie che la rendono una città unica al mondo, avanzando impropri confronti con altre realtà, costituisce la prova che la consigliera Russoniello non conosce la città in cui vive e che dorrebbe amministrare. I nuovi PUMS e PGTU perseguono le finalità del miglioramento delle condizioni di circolazione (movimento e sosta); di miglioramento della sicurezza stradale (riduzione degli incidenti stradali); di riduzione/abbattimento degli inquinamenti (atmosferico, acustico, ecc.); di risparmio energetico; di incremento dell’attrattività e della qualità dell’ambiente urbano; di incremento della capacità di trasporto dei mezzi collettivi; il tutto con l’obiettivo generale del miglioramento della vita dei cittadini”.

“ Con questi obiettivi – conclude Valore Cittadino– sono stati previsti interventi attinenti il trasporto privato motorizzato; il trasporto pubblico collettivo con nuovi sistemi di Bus Rapid Transit e di nuove linee circolari di bus; la mobilità pedonale e ciclabile con la previsione di nuove e più ampie aree riservate ai pedoni; nuove piste ciclabili lungo l’intera area urbana; politiche di sosta mediante la realizzazione di parcheggi scambiatori all’esterno dell’area urbana e di parcheggi di destinazione dentro la città. Il PUMS e il PGTU sono strumenti pianificatori necessari e prodromici all’ottenimento di finanziamenti europei, nazionali e regionali che fino ad oggi il Comune di Siracusa non ha potuto ottenere proprio per mancanza dei piani, questo la consigliera Russoniello lo sa?”

“Per ogni ulteriore giorno di ritardo nell’approvazione dei piani – avvertono i rappresentanti del gruppo – si arreca un danno gravissimo alla città e continuare a rinviare per presunti e inesistenti mancati coinvolgimenti della cittadinanza è da irresponsabili, visto che l’iter di legge è stato pedissequamente rispettato. Evidentemente il PUMS e il Pgtu sono emendabili in Consiglio comunale, ma per farlo necessitano competenze tecniche che finora non sono emerse da parte dei soggetti che criticano i piani più solo per il gusto della sterile polemica politica”.
Si attende ora la replica della consigliera Russoniello, dopo l’attacco frontale ricevuto, dal movimento di impegno civico.

Print Friendly, PDF & Email
Mascia Quadarella
Informazioni su Mascia Quadarella 4897 Articoli
Giornalista