Ultim'ora

Vinciullo : “Porti siciliani esclusi dalla nuova “via della seta”, che avrebbe portato ingenti investimenti nel territorio”

Palermo- I porti siciliani non saranno contemplati nella nuova “Via della Seta” che la Cina, con un investimenti multimilionari vuole ricreare, ripercorrendo le tratte commerciali del passato.  A comunicare l’esclusione degli approdi regionali che avrebbero tutte le potenzialità per diventare nevralgici, data la posizione di centralità nel Mediterraneo, è il presidente della Commissione Bilancio e Programmazione all’Ars, Vincenzo Vinciullo. Gli approdi italiani che faranno parte del programma sarebbero soltanto quelli di Trieste, Venezia e Genova ( che vantano una tradizione secolare).

“Si tratta- incalza Vinciullo-  di una decisione del tutto ingiustificata e priva di ogni logica di natura logistico-portuale, frutto solo della debolezza dei nostri rappresentanti al Parlamento nazionale, in quanto il terminale marittimo di Augusta è l’unico porto dell’Italia centro-meridionale in grado di accogliere il cosiddetto “gigantismo navale”.

“Per capire i motivi per i quali è stata assunta questa assurda decisione – sottolinea Vinciullo- e per evitare che simili ingiustizie si ripetano in futuro, ho presentato l’interrogazione parlamentare n.4446, affinché i porti siciliani, e in modo particolare quello di Augusta, non vengano più esclusi senza valide motivazioni da simili opportunità”.

“Ancora una volta- conclude amaramente il parlamentare regionale- la città di Augusta e la provincia di Siracusa, che, invece, possiedono tutti i titoli ed i requisiti per poter far parte della “Via della seta”rimangono a bocca asciutta, mentre ingenti somme saranno portate nelle città dei porti indicati dal Governo nazionale”.

 

Print Friendly, PDF & Email
Mascia Quadarella
Informazioni su Mascia Quadarella 4826 Articoli
Giornalista