Agirt e Aics, a Noto consegnati i riconoscimenti del premio “Penna maestra 2019”

Diversi i professionisti dell'informazione della provincia di Siracusa premiati per il loro impegno in campo e una targa alla memoria dell'indimenticabile Dino Cartia

Noto- “Il giornalismo che resiste, che si ribella, che si adatta alle nuove tecnologie e all’esigenza di un’interazione qualitativa con il lettore”, è stato premiato, ieri mattina, al Teatro Tina Di Lorenzo di Noto, nell’ambito del premio “La penna maestra” organizzato dall’Agirt, Associazione giornalisti radiotelevisivi e telematici”, presieduta dal giornalista Giuseppe Cascio e dall’Aics, diretta da Liddo Schiavo, con il patrocinio del Comune di Noto.
Nel dettaglio questi i premi attribuiti :

1) Premio solidarietà al docente dell’Università di Messina, Francesco Pira” per l’attività di formazione e di ricerca, anche a livello internazionale, sulla percezione attraverso i media del fenomeno migratorio, e per i puntuali articoli come Columnist del quotidiano americano La Voce di New York”.

2) Penna Maestra 2019
A Laura Valvo, per l’instancabile attività nella redazione di Siracusa del quotidiano La Sicilia, impegnata nel coordinamento di un complesso lavoro di raccordo tra, ieri ed oggi, tra giornalismo tradizionale e nuove istanze che vengono dal web, tenendo alti i valori del giornalismo di carta stampata, in un momento di grandezza difficoltà editoriale del settore. Per la capacità di rinnovare target e contenuti del giornale, puntando su sociale e cultura che diventano elementi portanti delle pagine di cronaca”.

3) Penna Maestra 2019
A Massimo Ciccarello, direttore di Error404.online, per la puntuale attività di cronaca politica e per aver traghettato nel web tecniche e metodi redazionali della carta stampata, privilegiando l’accuratezza alla frenesia della pubblicazione, senza fermarsi al copia-incolla e senza rinunciare alla elaborazione critica che è elemento imprescindibile della professione giornalistica. Per essere un riferimento professionale nel giornalismo on line, dove la capacità di ricerca e analisi della notizia sono elementi qualificanti nell’assicurare alla stampa locale l’autorevolezza necessaria a essere imprescindibile presidio democratico della collettività”.

4) Penna Maestra 2019
A Franco Oddo, per il lavoro svolto in anni d’attività giornalistica d’inchiesta alla direzione della Civetta di Minerva, partendo da Il Diario di Siracusa, negli anni 70, fino al Giornale del Sud di Pippo Fava. Sempre in prima linea al servizio della società civile, dimostrando grande coraggio nel mantenere viva la tradizione del giornalista-editore, che nella nostra provincia è stato motore di crescita democratica.

5) Premio alla memoria
A Dino Cartia, l’indimenticabile giornalista televisivo che alla direzione di Video Regione e, subito dopo, di Tele Marte ha dato impulso civile alla tv locale, da lui intesa come strumento d’inclusione e di crescita sociale, formando due generazioni di giornalisti televisivi. Per la sua attività di stimolatore di cultura, di poeta e di duttile artista, con l’impegno che le sue opere migliori vengano ancora pubblicate

6) Una menzione speciale al giornale on line “Oranews.net, diretto da Mascia Quadarella, che sa fare inchiesta, abbandonando la deleteria tecnica del copia-incolla, un metodo che sta uccidendo, in un travolgente processo di omologazione, il giornalismo contemporaneo. Un giornale che non sta dalla parte del potere, ma che rappresenta la voce critica della società civile, sempre al servizio della gente.

7) Una menzione speciale a Lanotizia.tv, diretto da Nello La Fata. Un giornale on line capillarmente presente tra la gente, che ha conservato la tecnica d’origine di ricerca ed approfondimento in cronaca tipico della televisione e della carta stampata, di cui il direttore è stato uno dei pionieri sin dagli anni 70. Sempre pungolo del potere, il giornale rappresenta adesso un importante punto di riferimento per la società civile

8) Riconoscimento anche al giornalista Giuseppe Lorefice, capo ufficio stampa del Comune di Rosolini, che va in pensione dopo 39 anni di ininterrotta attività al vertice dell’area comunicazione, dove ha svolto un importante ruolo di raccordo con la comunità locale. Certi che, cessato l’impegno al Comune, non fermerà la sua attività giornalistica sul territorio che per decenni ha servito come comunicatore pubblico

9) .Un ringraziamento anche a Giovanni Giuca, per l’assistenza legale garantita ai giornalisti minacciati, in un contesto di banca del tempo in cui la solidarietà tra ordini professionali diventa esercizio di democrazia e rafforza la giustizia sociale. Il suo impegno a sostegno dei giornalisti in prima linea rappresenta una marcia in più per tutti coloro che fanno informazione, adesso forti della certezza di non essere soli nella battaglia per il bene comune.

10) Menzione speciale per il dottor Carlo Gilistro, pediatra, ideatore ed organizzatore delle “Feste archimedee” e delle “Giornate pediatriche”, manifestazioni fortemente sostenute dall’Agirt per la forte valenza della comunicazione messa in campo al servizio della prevenzione. Una comunicazione che cresce e diventa incisiva nella stretta sinergia tra Ordini professionali, che vanno nella stessa direzione sul fronte della crescita sociale e dello sviluppo sostenibile

11) Menzione speciale per Emilio Pintaldi, per l’importante contributo dato all’analisi su comunicazione politica ed uso strategico dei social con il suo saggio “Catemoto De Luca” e per la consolidata attività di giornalista, ideatore e conduttore della trasmissione “Malalingua”.

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

CircaMascia Quadarella

Giornalista Contatta:Website | Facebook | Altri articoli

X