Ultim'ora

Magliette con scritte “intolleranti” tentano di “soffocare” il grido antirazzista siracusano

Siracusa- A distanza di qualche giorno dalla manifestazione pubblica, al Largo 25 Luglio, al Tempio di Apollo, a Siracusa, con cui liberi cittadini ed associazioni hanno voluto rimarcare l’esigenza di azzerare il razzismo emergente, condannando quello che è successo oltreoceano a George Floyd, la scorsa notte, sulla ringhiera che costeggia il monumento ortigiano, sono comparse delle magliette con scritte che palesano intolleranza verso le tematiche di integrazione, che hanno tentato di soffocare quell’urlo di speranza innalzato dalla gente che crede nell’uomo e non nella supremazia di una razza rispetto ad un’altra. Un atto che diverse associazioni del territorio, che lavorano per schermare la società contemporanea da venti di odio, che provengono da un passato suscitante orrore, hanno fermamente condannato, attraverso il sottostante comunicato.

” Black lives matter! Questo il grido elevato, anche a Siracusa, come in tante piazze di Italia nel pomeriggio del 6 Giugno.  Tante e tanti cittadini si erano riuniti proprio per chiedere giustizia per George Floyd, per tutte le vittime di razzismo e di ogni forma di discriminazione. E si erano riuniti proprio nello stesso posto in cui a gennaio dell’anno scorso chiedevano lo sbarco immediato dei migranti salvati dalla Sea Watch e fermi a pochi metri delle nostre coste. Due date diverse ma emozioni simili: mossi nel profondo dalla necessità di esprimere solidarietà e rabbia per quello che succede ogni giorno nei nostri mari, nelle nostre strade, nelle nostre città e nei nostri luoghi di lavoro. 

La risposta non è mancata: dopo pochi giorni, oggi, esattamente nello stesso punto in cui i manifestanti avevano appeso cartelli e striscioni sull’inclusione e sull’uguaglianza, sono state ritrovate delle maglie sulle quali figurano scritte fortemente razziste. Il quadro che abbiamo di fronte è chiaro: nella nostra città esiste anche ancora un razzismo profondamente radicato che non riesce ad attenuarsi e tanto meno consente una lettura reale della società. Le morti di George FLoyd o del bracciante Adnan Siddique dovrebbero essere d’esempio: l’unico conflitto da costruire e alimentare è con chi discrimina e sfrutta, con chi utilizza il ricatto economico come arma di controllo e con chi rende le nostre città difficilmente attraversabili da tutte e tutti. Non esistono altri conflitti, non esistono altre guerre, non esistono altre differenze. Tuttavia, lungo è ancora il percorso di consapevolezza come tante sono ancora le battaglie per una città che sia veramente inclusiva. Basti guardare alla situazione di Cassibile, luogo di sfruttamento della nostra città, in cui gli interventi necessari sono ancora tanti almeno quante le responsabilità politiche dietro la condizione dei migranti.  Chi è sceso in piazza in questi anni, chi si è mobilitato, chi si è esposto, chi si è speso però continuerà ad immaginare e lottare per una Siracusa accogliente, inclusiva e solidale ma lo sarà veramente se la costruiremo tutti insieme, non lasciando indietro nessuno, ripensando la nostra città in maniera collettiva e plurale.

Le associazioni sottoscrittrici

                                                                                                                                             A BEDDA SICILIA; ANFASS Onlus Siracusa; ANGOLO Siracusa; ARCIGAY Siracusa; ARCI SIRACUSA; ARCIRAGAZZI SIRACUSA 2.0; AssoFaDi Onlus; ASTREA in memoria di Stefano Biondo; AVO Siracusa; COBAS SCUOLA Siracusa; GIOSEF Siracusa; LA BRIGATA ROSA; LIBERA – Presidio Mario Francese; LO SCRIGNO DI ARETUSA; NO HATE SPEECH MOVEMENT Sicilia; REA – Rete Empowerment Attiva; RETE DEGLI STUDENTI MEDI; STONEWALL; UNIONE DEGLI STUDENTI; ZUIMAMA ARCIRAGAZZI

Print Friendly, PDF & Email
Mascia Quadarella
Informazioni su Mascia Quadarella 4594 Articoli
Giornalista