Ultim'ora

Danno erariale attribuito a Percolla, la versione dei fatti del commissario del Libero Consorzio di Siracusa

Siracusa – In relazione alle notizie apparse oggi sugli organi d’informazione, riguardanti il commissario straordinario del Libero Consorzio, Domenico Percolla, interviene lo stesso capo dell’amministrazione dell’Ente di via Roma, con una nota personale, che riceviamo e pubblichiamo integralmente.

“Il danno erariale attribuitomi dalla Corte dei Conti in primo grado – scrive Percolla – è l’epilogo di una vicenda che a dir poco può definirsi paradossale. Gli accertamenti della Guardia di Finanza hanno preso spunto, nel 2014, da una denuncia da me presentata nella qualità di Commissario Straordinario per il dissesto idrogeologico della Regione Calabria proprio alla Guardia di Finanza, al fine di verificare la congruità di una somma pagata ad una società (Istituto di diritto pubblico) alla quale furono commissionati rilievi topografici con sistema leader per intenderci, rilevamenti aerei, per la progettazione di opere di sistemazione idrauliche in alvei fluviali, soggetti per le caratteristiche morfologiche, a continue variazioni, per la precisione 30 siti per i quali era urgente procedere alla realizzazione delle opere. Mi disposi a pagare la cifra di due milioni e cinquecentomila euro fatturata dalla società a seguito di una dichiarazione di congruità che mi venne confermata dal tecnico incaricato.

“Successivamente – scrive ancora Percolla – nella predisposizione di atti contabili mi resi conto che verosimilmente la cifra pagata avrebbe potuto essere non congrua e pertanto sporsi denuncia per i dovuti accertamenti. A seguito di tale denuncia, anziché procedere come sarebbe stato opportuno (ci tiene a precisare Percolla), mi venne contestato il danno erariale sul presupposto di avere pagato una cifra non congrua alla società che aveva effettuato i rilievi. La motivazione di tale presunto danno fu anche basata sul fatto che il Ministero dell’Ambiente sarebbe stato in possesso della stessa tipologia di rilievi e che, malgrado ciò, gli elementi a disposizione non erano stati utilizzati.

“Nel corso del giudizio – scrive il commissario Percolla – è stato ampiamente dimostrato con una perizia giurata di tecnici specializzati che i rilievi effettuati dal Ministero dell’Ambiente avevano una finalità di monitoraggio del territorio e non una funzione progettuale rispetto, invece, alla precisione fornita dai rilievi commissionati.

“Sono fiducioso – conclude Percolla – che le mie buone ragioni vengano accolte in Appello e venga ristabilita la verità dei fatti”.

Print Friendly, PDF & Email
Mascia Quadarella
Informazioni su Mascia Quadarella 4457 Articoli
Giornalista