Ultim'ora

Il Santuario, da domani, riapre al pubblico. Le nuove regole per assistere alle funzioni

Siracusa. La Basilica Santuario Madonna delle Lacrime, in ottemperanza alle disposizioni nazionali del protocollo di intesa tra la Cei e lo Stato Italiano, diramate dalla Curia Arcivescovile di Siracusa, rende noti i luoghi, gli orari, gli ingressi, le uscite della Basilica e le norme comportamentali durante le Celebrazioni Eucaristiche di seguito elencate: 

INGRESSO AL SANTUARIO:I fedeli muniti di mascherine, rispettando le norme del distanziamento fisico, potranno accedere nel Santuario, sanificato in questi giorni, dalle scale che portano all’ingresso principale, contrassegnato dai cartelli “Entrata”, dove sarà posizionato il dispositivo igienizzante per le mani (i fedeli, tuttavia, sono invitati a portare con sé gli igienizzanti personali). Un ingresso laterale (lato Ospedale) accanto alle scale, verrà riservato alle persone con difficoltà motorie, che non possono accedere dalle scale.

I DIVIETI E LE MODALITA’ SVOLGIMENTO RITI

  • È vietato l’ingresso ai fedeli che manifestino febbre (sopra 37,5°C), sintomi influenzali e tutti coloro che sono stati a contatto con malati Covid nei giorni precedenti.  
  • Lo scambio della pace.
  • Sono vietate le condoglianze durante i funerali.
  • Bisogna evitare di toccare i banchi se non si hanno i guanti.
  • Le confessioni saranno amministrate nelle cappelle laterali mantenendo il prudente distanziamento fisico.
  • I fedeli potranno dare le loro offerte all’ingresso e in prossimità delle uscite del Santuario, dove saranno posizionate delle apposite cassette.
  • Sono vietati le soste ed ogni tipo di assembramento in chiesa dopo le funzioni religiose.

USCITA DAL SANTUARIO:

  • I fedeli, terminate le Celebrazioni, dovranno uscire dalle porte laterali contrassegnate con i cartelli Uscita in prossimità di viale Luigi Cadorna, viale Teocrito, via mons. Musumeci (lato Ospedale). Saranno visibili pannelli indicatori per l’uscita dalla basilica.
  • Tutte le porte saranno bloccate in modo da permettere l’ingresso e l’uscita senza toccare maniglie.
  • Le porte rimarranno aperte per consentire una continua areazione degli ambienti.

POSTI A SEDERE IN BASILICA:

I fedeli potranno prendere posto sedendo alle estremità dei banchi, contrassegnati con un cartello, disponendosi al massimo di due per banco. In Basilica non possono accedere oltre 200 fedeli. Mentre per le Sante Messe sul Sagrato ci sarà la possibilità di oltre 400 posti a sedere.

NUOVO ORARIO APERTURA

Mattina: 7.30-12.30 Pomeriggio: 16.00-19.30

NUOVO ORARIO SANTE MESSE

Feriali: 8.00 Santa Messa (Basilica); 10.00 Santa Messa (Basilica); 18.30 Santo Rosario; 19.00:  Santa Messa (Basilica)

Domenica: Ore 8.00   Santa Messa – (Basilica); ore 10.00 Santa Messa – (Basilica); Ore 12.00 Santa Messa – (Basilica); ore 17.30 Santa Messa – (Basilica);ore 19.00 Santa Messa Sagrato Cripta; ore 20.00 Santa Messa Sagrato Cripta

Mentre si fa affidamento alla matura responsabilità dei fedeli, il Rettore del Santuario comunica che durante la Santa Messa delle ore 19 del 18 maggio, sarà ricordato con gratitudine il Centenario della nascita di San Giovanni Paolo II, particolarmente caro alla Chiesa e al Santuario di Siracusa, da lui dedicato alla Madonna delle Lacrime.

San Giovanni Paolo II fu un innamorato della “Maria Siracusana” al punto da unire le sue Lacrime a quelle della Madonna, alle quali volle affidarsi anche quando il suo cammino terreno volgeva al termine, quando su sua richiesta il Reliquiario delle Lacrime fu portato al suo capezzale, prima di morire.

Il messaggio audio diramato dal Rettore

Il Rettore. Aurelio Russo, ha pure emesso un audio a tutti i fedeli con il seguente contenuto:

“Carissimi, da lunedì 18 maggio sarà possibile partecipare alle Sante Messe nel nostro Santuario della Madonna delle Lacrime. Lo faremo con fede e con grande responsabilità, rispettando le norme di sicurezza per la salvaguardia della salute di tutti.

Saranno celebrate 3 Sante messe nei giorni feriali (alle 8 alle 10 e alle 19) e 6 Sante Messe nei giorni festivi (alle 8 alle 10 alle 12 e alle 17,30 in Basilica, mentre quelle delle ore 19 e delle ore 20,00 saranno celebrate sul sagrato della Cripta. Anche la Santa Messa delle ore 19 del Sabato sarà celebrata sul sagrato della Cripta del Santuario). In Basilica non potranno accedere oltre 200 fedeli, mentre per la messa all’aperto saranno disponibili altre 400 posti.

L’acceso in basilica sarà consentito solo dalle porte centrali del Sagrato del Santuario, mentre la scivola accanto alle scale del Santuario sarà riservata per l’ingresso delle persone che hanno difficoltà motorie.

Mantenendo sempre la distanza di sicurezza si entrerà con la mascherina (non oltre 200 fedeli) in santuario, dove un dispositivo permetterà l’igienizzazione delle mani. 

Terminata la messa, i fedeli potranno uscire dalle porte laterali di viale Luigi Cadorna, viale Teocrito e Via Musumeci.

I fedeli potranno fare le loro offerte o entrando in Santuario o prima di uscire, in quanto non sarà fatta la raccolta durante la Messa. Il contributo di tutti ci aiuta a sostenere le spese per il culto e le necessità della Chiesa.

Il Papa, questa mattina, ci ha ricordato l’importanza del rispetto delle norme di sicurezza. Raccomando anch’io a tutti l’assoluta scrupolosità delle norme, ma anche il rispetto del luogo e del parco del santuario, dove non sarà permesso a nessuno di fare attività sportive o di accedere con mezzi motori. Il Parco del Santuario sia per le famiglie e per i fedeli un’oasi di pace e di preghiera. Nessuno è obbligato a venire, ma tutti siamo tenuti a rispettare questi principi. 

Le Lacrime della Madonna ci insegnino la via dell’attenzione all’altro, della carità e della responsabilità. La Madonna delle Lacrime, che è la Regina di Siracusa, protegga e benedica le nostre famiglie, la nostra Città di Siracusa, la nostra Diocesi, la nostra Sicilia, l’Italia e il mondo intero.

Evviva Maria Madre di Dio e Madonna delle Lacrime”.

Print Friendly, PDF & Email
Mascia Quadarella
Informazioni su Mascia Quadarella 4094 Articoli
Giornalista