“Ortigia sup race” promossa a pieni voti. Il mare di Siracusa incanta

Siracusa- “Ortigia sup race da 10 e lode”. Le parole di Mario Tagarelli, allenatore dell’Asd kitesurf Taranto, sintetizzano la seconda edizione dell’evento che si è tenuto lo scorso fine settimana e sta facendo conoscere le coste siracusane ai migliori “sup racer” italiani e stranieri.
Si tratta di una specialità del surfing in cui si sta in piedi su una tavola simile al surf ma con maggior volume per sostenere il peso dell’atleta, utilizzando una pagaia apposita per la propulsione. Oltre 80 gli atleti iscritti che hanno affollato il mare siracusano, alla fine il vincitore del Trofeo Challenger è Leonard Nika, seguito nella Overall Élite da Claudio Nika e Reza Nasiri al terzo posto. 
“Un bilancio più che positivo – dice soddisfatto il project manager della gara, Ivan Scimonelli – oltre le aspettative, con 80 e più partecipanti e tanti altri che ci hanno raggiunto il sabato sera da ogni parte d’Italia. Sia gli atleti amatoriali sia i professionisti si sono divertiti, con questi ultimi che ci hanno descritto come top event. Per tutto questo ringrazio atleti, sponsor e autorità: la Capitaneria di Porto e la sezione mare della guardia di Finanza e della Polizia di Stato”. La tappa dell’Ortigia Sup Race 2019 si è svolta il 16 e 17 novembre e fa parte del circuito nazionale Italian Sup League, concorrendo alla Ranking List finale del campionato. L’evento è stato organizzato dal circolo della Vela Lakkios e patrocinato dal Comune di Siracusa e mira a inserirsi nel circuito internazionale e tra i più importanti del panorama Sup.
“È il secondo anno che vengo in Ortigia – sottolinea Elia rossetti, responsabile di uno dei più grossi centri di Sup in Italia, il Toscana surfing – ed è una bellissima sorpresa e una grande scoperta. Ormai sta diventando una bella certezza, il circolo della Vela Lakkios si sta facendo conoscere in Italia e non solo e in futuro questo evento regalerà un sacco di soddisfazioni”. Uno sport in crescita in un circolo, Lakkios, che si è dimostrato tra i club più attivi nel corso di tutta la stagione e ha dato visibilità al movimento Stand up siciliano e in particolare a Siracusa. Tre mila euro di montepremi, due le categorie impegnate Technical Race e long distance, dove gli amatori e gli under 12/14 hanno concluso il percorso nel mare di Ortigia.
“Ortigia sup race – aggiunge Tagarelli, allenatore del club di Taranto che ha vinto il campionato italiano federale a squadre – è diventato un must e ormai è una tappa conosciuta in tutta Italia. Siracusa una vera perla, i ragazzi del Lakkios all’altezza del nome con una due giorni straordinaria, nonostante il meteo non sia stato dei migliori. Tanti i ragazzini presenti, e anche una over 50, che hanno concluso la gara con il sorriso. Il 2020 torneremo in massa ma questo è un evento da 10 e lode”.

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail