Ultim'ora

Minacce al sindaco Italia, gli attestati di solidarietà

Siracusa- Pioggia di messaggi di solidarietà nei confronti del primo cittadino siracusano, Francesco Italia, diventato bersaglio sui social di alcuni soggetti che lo avrebbero offeso e ne avrebbero minacciato l’incolumità. La tensione sociale, infatti, è molto alta, a causa dell’emergenza Coronavirus, ma questo non deve giustificare i duri e vili attacchi rivolti al rappresentante dell’amministrazione comunale, che sta cercando di far fronte alle esigenze della cittadinanza con le risorse a disposizione. Da diversi fronti politici sono stati inoltrati messaggi di vicinanza al sindaco, esortato a non demordere. Solidarietà anche da diversi cittadini che condannano i comportamenti dei due denunciati e ne prendono le distanze.

Articolo 1: Zappulla e Gibellino

Le minacce rivolte al sindaco di Siracusa aggravate da infamanti insulti omofobi non possono che essere rigettate e , al di là delle diverse collocazioni politiche, trovare l’indignazione di tutte le forze politiche, sociali e dell’intera comunità.Le tensioni di questi tempi, le esasperazioni anche dettate da serie difficoltà economiche non possono giustificare atti, gesti, attacchi e minacce di tale gravità.A Francesco Italia, quindi, la nostra solidarietà in una fase delicatissima in cui semmai occorre mettere da parte la normale dialettica politica – come in verità tanti stanno saggiamente facendo – e tentare di affrontare una gravissima fase nell’interesse esclusivo della salute e sicurezza dei cittadini, a partire proprio dalle fasce piu’ esposte e deboli della società.

Filcams-Cgil- Alessandro Vasquez

Piena solidarietà al sindaco Francesco  Italia arriva dalla Filcams Cgil di Siracusa. Quello a cui si assiste quotidianamente è un aumento della rabbia, che rischia di lasciare libero spazio alle criminalità organizzate e non. “ C’è un terreno fertile in questo momento per le mafie, il silenzio è servito sempre da concime alle loro espansioni. Le lentezze dei sistemi ipotizzato, come la cassa integrazione, per far fronte ad una situazione straordinaria facilita l’esplosione di rabbia che difficilmente verrà controllata. Bisognava dare vita a degli strumenti straordinari per la fase che stiamo vivendo, non invece strumenti che già nell’ordinario camminano a rilento o che spesso non funzionano. Il peso più grosso è davvero sulle spalle dei sindaci, lasciti colpevolmente soli ad affrontare una situazione mai verificatasi e che scuote pesantemente l’economia di un intero territorio. Speriamo si riparta dai Sindaci dalla schiena dritta, quegli stessi sindaci, che in occasioni precedenti allo scoppio della pandemia in atto, hanno fatto della solidarietà verso chi ha di meno il proprio mantra. Francesco Italia è uno di quei sindaci. “ Questo il commento di Alessandro Vasquez che oltre a stigmatizzare le minacce ricevute dal sindaco Italia e ad esprimergli la propria stima e vicinanza, esorta tutti gli organi preposti a fare il massimo per dare risposte celeri alle migliaia di lavoratori e lavoratrici che si trovano in cassa integrazione od in altro ammortizzatore sociale.  

Stonewall e Associazioni Terzo settore Siracusa

A mezzo stampa, noi esponenti delle associazioni del terzo settore
siracusano, apprendiamo del pesante e violento attacco al sindaco di Siracusa Francesco Italia, condito di insulti e minacce, che rasentano l’istigazione alla violenza. Lo sgomento cresce dalla diffusione di simili video, quello citato pare sia l’ennesimo circolato privatamente via WhatsApp e poi rimosso a seguito di denuncia e accertamenti da parte delle forze dell’ordine che, secondo quanto riportato dalla stampa, dovrebbero vagliarne le ragioni. Per esperienza sappiamo che cercare le motivazioni di azioni e parole violente porta inequivocabilmente alla giustificazione delle stesse. Un video pieno di insulti e minacce di ritorsione, intriso di violenza omofoba nei confronti del presunto orientamento sessuale di un amministratore non può e non deve essere tollerato né giustificato. Allo stesso tempo urge sottolineare che le azioni di aiuto e supporto alle famiglie bisognose della città non solo sono presenti quotidianamente sul territorio ad opera delle istituzioni e delle associazioni di volontariato del terzo settore ma anche che tali azioni di supporto, assicurate da sempre e non solo durante la crisi da Covid 19, alla parte più debole della cittadinanza, non possono e non devono scaturire da minacce e atteggiamenti di natura mafiosa. Pur nella libertà di critica che cittadini e cittadine devono poter rivolgere nei confronti dell’operato di ciascun amministratore, crediamo infatti fermamente che questo tipo di atteggiamenti non rientrino in tale esercizio della democrazia e per questo verranno da noi sempre condannati e denunciati nelle sedi opportune. Senza alcun dubbio quello che stiamo vivendo è un periodo di forte impatto dal punto di vista sociale, economico e ad ogni livello, per questo motivo riteniamo che ci debba vedere uniti in un’idea di comunità pronta a fare quadrato in aiuto gli uni per gli altri, senza polemiche né recriminazioni perché nessuno sia lasciato solo! Con questo documento, il mondo del volontariato aretuseo esprime, quindi, massima solidarietà al sindaco Francesco Italia e insieme a lui a tutta la comunità lgbt+ di Siracusa, la cui unica colpa, secondo il soggetto del video, è di essere gay, lesbiche, bisessuali o transessuali, e quindi meritevoli di essere “stuprati” da un sistema di pensiero patriarcale e vergognosamente maschilista. Rimandiamo altresì al mittente le tardive scuse successivamente diffuse dallo stesso soggetto, confidando nel lavoro della Magistratura affinché questo episodio non resti impunito e serva da monito per prevenire che atti di simile violenza si ripetano in futuro.
Aderiscono: A Bedda Sicilia Siracusa, Amnesty International, Angolo Siracusa, Arci Siracusa, Arcigay Siracusa, Arciragazzi Siracusa 2.0, Astrea in memoria di Stefano Biondo, Auser, Avo Siracusa, C.I.A.O., C.A.D. Sociale di Siracusa, Centro Antiviolenza Ipazia, Centro Phrónesis, Chiesa Evangelica Battista di Siracusa, COBAS scuola Siracusa, Collettivo Femminismi e Libertà, Gruppo Mamme a Siracusa, La Bacchetta Magica, Le Officine, Libera – presidio di Siracusa “Mario Francese”, Lo Scrigno di Aretusa, Natura Sicula, Ninphea, Pro Cassibile, Rete Degli Studenti, Rete Empowerment Attiva, Rifiuti Zero, Stonewall GLBT Siracusa, Unione Degli Studenti, Wonder S@mmy, Zuimama Arciragazzi

Anche la direzione e la redazione di Oranews.net condividono pienamente gli attestati di solidarietà al sindaco Italia.

Print Friendly, PDF & Email
Mascia Quadarella
Informazioni su Mascia Quadarella 4640 Articoli
Giornalista