Ultim'ora

Approvati dal Consiglio comunale i piani del traffico e della mobilità

Siracusa– Il Consiglio comunale ha approvato, ieri sera, il Piano generale del traffico urbano (Pgtu) e il Piano urbano della mobilità sostenibile (Pums).

I due strumenti erano contenuti nella stessa proposta e – così come la loro immediata esecutività – sono stati varati ad ampia maggioranza (solo tre contrari e un astenuto); sono stati modificati in alcune parti con una serie di emendamenti presentati dalla commissione comunale competente più uno a firma di Curzio Lo Curzio.
Dopo il voto, la seduta è stata interrotta per mancanza di numero legale. Si tornerà in aula stasera alla 18,30 per modificare il regolamento sulla tassa di soggiorno, per approvare quello sulla definizione agevolata delle controversie tributarie e per discutere tre documenti: sulla scelta del capo di gabinetto, sulle infrastrutture a Cassibile e sul protocollo d’intesa tra Comune e Sicilia Musei per il progetto “Grandi mostre” all’ex convento di San Francesco d’Assisi.

La seduta, su decisione del presidente del Consiglio comunale, Moena Scala, si è aperta osservando un minuto di silenzio in ricordo delle persone scomparse nello scorso fine settimana: il senatore Salvatore Corallo, il giovane Simone Geracitano e i due pescatori Luciano Sapienza e Zakaria Toumi deceduti nell’affondamento del peschereccio “Zaira”. Inoltre, intorno alle 20 i lavori sono stati interrotti per una ventina di minuti per consentire ai consiglieri di partecipare alla commemorazione del senatore Corallo avvenuta nel salone “Paolo Borsellino,” dove era stata allestita la camera ardente.

Dopo il minuto di raccoglimento, ha preso la parola Andrea Buccheri che, partendo dal naufragio di Malta, ha chiesto all’Amministrazione di rispettare una delibera del 2016 con la quale il Consiglio comunale ha deciso di intitolare una strada ai Caduti sul lavoro.
Inoltre, prima di affrontare i punti all’ordine del giorno, i consiglieri Salvatore Castagnino e Mauro Basile hanno esposto due fogli con la scritta “Floreno dimettiti”. La protesta è stata motivata con la decisione del commissario del Libero consorzio comunale di votare un candidato catanese nel Consiglio di amministrazione della Sac, la società che gestisce l’aeroporto di Catania dove c’è una partecipazione siracusana del 25 per cento. Sull’argomento Castagnino, intervenuto in aula, ha presentato una richiesta urgente di consiglio comunale aperto sottoscritta da una ventina di consiglieri.
La richiesta è stata sostenuta da Giuseppe Impallomeni che ha allargato il discorso ad altre istituzioni “sottratte a Siracusa”, come la Banca d’Italia e la Camera di commercio, per le quali ha puntato il dito contro la “cattiva gestione politica di chi ci rappresenta a livello nazionale e regionale”. Impallomeni ha chiesto alla presidente Scala di farsi promotrice di un consiglio comunale aperto su tutta la materia “visto che 5 rappresentanti su 6 appartengono al suo movimento”. (segue)
Altra richiesta urgente di Consiglio comunale aperto è stata consegnata sempre ieri da Castagnino e altri sull’ospedale Umberto I, dopo il distacco di calcinacci dal tetto del reparto di Medicina, circostanza nella quale sono rimasti feriti due ammalati.
Il dibattito su Pgtu e Pums è stato inoltre preceduto da una pregiudiziale di trattabilità avanzata da Silvia Russoniello, motivata con il mancato rispetto della normativa nazionale in materia e con la decisione dell’Amministrazione, considerata illegittima, di presentare i due strumenti in un solo provvedimento. Inoltre la consigliera ha contestato anche l’urgenza con la quale è stata portata la proposta in aula per l’approvazione, legata, ha detto, alla necessità di dovere rispettare i termini per la partecipazione a un bando che consentirà di trovare le somme per il completamento del parcheggio Mazzanti.