Dopo 58 anni riapre il Teatro comunale di Siracusa

 Siracusa – Riapre al pubblico  dopo 58 anni di attesa il teatro comunale di Siracusa, ospitando una quindicina di iniziative culturali, che compongono questo cartellone di iniziazione di fine anno. Commosso il sindaco Garozzo, che ha avuto il privilegio di tenere a battezzo l’opera riconsegnata alla città e che potrà contribuire con una programmazione partecipata e varia a dare sprint all’offerta culturale del capoluogo aretuseo, destagionalizzando l’intrattenimento di qualità.

All’annuncio dell’apertura, accanto al primo cittadino aretuseo, c’era l’assessore alla Cultura e al centro storico, Francesco Italia. A calcare lo storico palco sarà lunedì 26 l’orchestra        da camera ArchiEnsamble, con il coro lirico Conca d’Oro e i solisti Mario Stefano Piertrodarchi (fisarmonica bandoneon) e la soprano Natalia Demina. A Capodanno ancora musica con un “Invito al valzer” del pianista  siracusano Orazio Sciortino. A gennaio, tra le altre proposte, un’esibizione di Paolo Fresu.

“Vivo una forte emozione – ha affermato il sindaco Garozzo – perché da oggi Siracusa, al pari di tutte le più importanti città, potrà disporre di un contenitore di straordinaria bellezza che consentirà di programmare iniziative culturali di valore consone al suo prestigio. Il Teatro è patrimonio di tutti e la sua riapertura è, ovviamente, anche il frutto del lavoro degli ultimi 15 anni. Con  la stessa sincerità- ha aggiunto, con una nota critica- devo dire che al momento del nostro insediamento abbiamo trovato una situazione diversa quella che ci avevano raccontato, anche per questa ragione, dovendo correggere alcuni lavori fatti in passato, come nel caso dell’impianto antincendio, i tempi si sono allungati oltre il previsto”.

“È stata una vera corsa contro il tempo – ha continuato l’assessore Italia – ma volevamo che tutto fosse pronto per queste feste natalizie, per dare alle città e agli operatori economici un’opportunità in più. L’ultimo nulla osta è arrivato alle 13,30 di giorno 23, per rispetto istituzionale, non abbiamo voluto anticipare nulla. Sono settimane che lavoriamo a questo momento e ringrazio tutti gli artisti che ci hanno dato fiducia. Il teatro disporrà di 406 posti, 70 in meno di quelli effettivi perché per ora è stato escluso il loggione”.

 

Il sindaco Garozzo e l’assessore Italia hanno anche ringraziato l’Associazione carabinieri e tutte le imprese che hanno deciso di dare il loro contributo gratuito per arrivare alla conclusione del lavori. Il costo degli eventi non supererà i 30 euro.

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail